NAPOLI. La celebre e sventurata storia d’amore raccontata da Shakespeare giunge in uno dei siti monumentali più suggestivi della città partenopea. Il Chiostro di San Lorenzo Maggiore a Napoli per l’occasione si trasformerà in un vero e proprio teatro elisabettiano, mostrando tutta la semplicità medioevale tipica di quell’epoca. E’ davvero sensazionale la scelta di non usare il supporto scenografico ma solo l’ausilio della meravigliosa struttura e la bravura degli attori, che interagendo con il pubblico rende questi ultimi parte integrante dello spettacolo. Realizzato in forma di commedia musicale all’italiana, l’opera vede in scena il Frate Lorenzo narratore che, nel raccontare la storia dei due amanti, funge da trait d’union tra le scene che si susseguono, accompagnando di fatto il pubblico nelle emozioni più profonde del dramma.

Un plauso va alla società “Tappeto Volante” che ha permesso la produzione della rappresentazione e che da anni sul territorio napoletano progetta ed organizza eventi, di natura artistica e culturale di grandissimo spessore. “Romeo e Giulietta” andrà ancora una volta in scena sabato 3 settembre.

Antonio Costante



© RIPRODUZIONE RISERVATA