NAPOLI. Nello splendido scenario del Complesso Monumentale di San Lorenzo Maggiore a Napoli, andrà in scena, venerdì 9 e sabato 10 settembre alle ore 21.00, “Favole del mare” di e con Massimo Andrei, recentemente insignito del Premio Pistrice di Positano.
Con queste repliche di “Favole del mare”, Massimo Andrei intende terminare la stagione estiva dei suoi racconti che continuerà con la versione autunnale ad ottobre nel Museo del Sottosuolo di Napoli con “Le Favole Sottoterra”.

Continua anche la felice collaborazione tra la Tappeto Volante di Domenico Maria Corrado, che produce lo spettacolo, e il Complesso di San Lorenzo Maggiore a Napoli.

Due cantastorie, padre e figlia, arrivano in un posto di mare, si preparano come solitamente fanno e cominciano a raccontare fatti accaduti a loro, ad altri, al mond. Con la forza, la bellezza e la magia della parola ci conducono nel gioco ammaliante dell’evocazione.

Pascale, il cantastorie più saggio, ora si fa polipo, ora si fa vagabondo, ora parla di Cozzeca Nera, ora del Pesce Nicolò… Catarina diventa una Sirena senza tempo, Leucosia e sentiremo di Partenope, di quando si innamorò di Cimone e di come nacque Napoli. Poi arriva Luciano, un marinaio, che incantato dalla Sirena, pericolosa creatura del mare, si libra in corteggiamenti, famosi canti di passione e buffe vicende da innamorato… Potranno innamorarsi, ma non potranno star vicini…

Storie di tradizione, storie inventate: la narrazione comica è la fiaba nella sua formula antica. L’origine del teatro va ricercata proprio in quella scena che vede un uomo raccontare qualcosa ad altri uomini. È da questa idea di base che si parte per raccontare storie accadute sul mare, in fondo al mare o vicino al mare… Supportato da un’ammaliante partitura musicale, la fisarmonica e la voce, originale ed unica, di Eduarda Iscaro e il bel canto del giovane tenore Christian Moschettino, lo storyteller Massimo Andrei ci coinvolge nel racconto puro attraverso una storia che racchiude altre storie: il viaggio dei cantastorie profumato di mare.

Redazione



© RIPRODUZIONE RISERVATA