GENOVA. Il Napoli reagisce all’eliminazione di coppa e scende in campo a Marassi con la cattiveria di chi ha fame di risultati. A Genova non c’è partita, gli uomini di Sarri asfaltano la Sampdoria 4 a 2.

Sarri non fa sorprese e manda in campo la formazione dei titolarissimi. Solito gioco fluido e brillante e le occasioni subito piovono a bizzeffe. Higuain, solo davanti a Viviano, si divora una chance al 4′ ma si riscatta poco dopo: al 9′ Barreto, pressato da Hamsik, si fa toccare la sfera e involontariamente lancia il Pipita che stavolta non perdona con un destro a incrociare. Passano altri nove minuti e la gara sembra già chiusa: Barreto, ancora lui, sgambetta Albiol in area, rigore sacrosanto trasformato con freddezza da Insigne. La Samp è attonita, non riesce a reagire perché il Napoli è troppo più forte. Il Napoli, compatto e ordinato sul terreno, ha più occasioni per chiudere ogni discorso già nel primo tempo, ma proprio a un manciata di secondi dalla pausa subisce l’incredibile 1-2 blucerchiato: Carbonero s’invola sulla destra e serve al centro Eder, che fa velo per Correa; destro secco e Reina spiazzato.

Nella ripresa la Samp sembra rinvigorita ma l’ingenuo Cassani falcia Insigne e rimedia la seconda ammonizione. Passa nemmeno un minuto e Hamsik infila di punta Viviano dopo uno slalom d’alta scuola in area. Eder di testa riaccende òe speranze dei padroni di casa ma al 79′ arriva il definitivo colpo del k.o. che porta la firma di Mertens: entrato al posto di Insigne, il belga è bravo a superare Viviano con un bel sinistro all’angolino. Finisce così, quinta vittoria consecutiva per Sarri che risponde con i tre punti alle polemiche degli ultimi giorni.

Il Napoli può ancora festeggiare e con ancor più vigore perché da San Siro arriva la notizia del pareggio del Carpi. Inter scacciata a meno sei, l’unica avversaria degna per lo scudetto rimane la Juve. Il Napoli vince e convince, la palla ora passa ai bianconeri, impegnati stasera nell’ostico posticipo con la Roma.

Alfredo Durante



© RIPRODUZIONE RISERVATA