Napoli. Davanti ad un San Paolo gremito in ogni dove il Napoli non riesce ad abbattere la resistenza ad oltranza della Roma: il risultato è uno striminzito 0 a 0, troppo stretto per i padroni di casa protagonisti di un monologo durato novanta minuti, punto d’oro per gli ospiti che mai hanno calciato verso la porta di Reina.

Il primo tempo è un assolo napoletano. Consueto gioco frizzante degli uomini di Sarri fatto di palla a terra e pressione costante ma le occasioni nitide non arrivano. L’intento della Roma è chiarissimo, limitare i danni e uscire con un punto dal San Paolo. Il Napoli martella, il gioco sulla sinistra funziona meglio, Ghoulam, Hamsik e Insigne si danno da fare ed è da quel lato che nascono i pericoli maggiori per la Roma. Lo scugnizzo di Frattamaggiore ha un paio di volte la palla buona per far male, ma vuole fare tutto da solo. E spreca.
Poi al 39′ l’improvviso ko del guardalinee Cariolato, che esce dal campo in barella e piangendo. Sostituito dal quarto uomo Barbirati.
Nella ripresa il copione non cambia. Il Napoli mette all’angolo la Roma ma non riesce ad infliggerle il colpo del ko. Al 15′ occasione d’oro per Hamsik, che di piatto supera il portiere, ma la palla si spegne di un niente a lato. E’ la miglior occasione della partita.
Da qui alla mezz’ora, qualche cambio (Mertens per Callejon), ma nessuna vera scossa. Al 35′ De Rossi gela il San Paolo quando stacca di testa e manda in gol, ma il cross di Rudiger arriva da un pallone oltre la linea di fondo. Il brivido rimane. Poi è Hamsik, ancora lui, a calciare in corsa. Colpo sicuro e gran parata di Szczesny all’84′ e sulla ribattuta clamorosamente El Kaddouri non c’entra lo specchio. Lo 0-0 resiste. L’ultimo brivido lo procura Mertens, ma ancora Szczesny respinge. Insuperabile.

Finisce così, un punto per uno che ha un peso decisamente diverso. Ora il Napoli è a meno 4 dall’Inter ma il campionato è ancora lungo. Il Napoli ha fame, sta solo tirando un pò il fiato dopo la scorpacciata di risultati utili consecutivi, ne vedremo delle belle.

Alfredo Durante



© RIPRODUZIONE RISERVATA