A presentare le tre serate della kermesse istituzionalizzata dal Comune di Sant’Anastasia ci sarà l’attore Maurizio Casagrande, affiancato da Tiziana De Giacomo. La giuria di esperti sarà presieduta da Mara Maionchi. Il sindaco Abete: «Siamo fieri di sostenere una manifestazione di respiro nazionale come il Festival, con notevoli ripercussioni turistico – economiche sul nostro territorio».

SANT’ANASTASIA. Giovedì 9, venerdì 10, sabato 11 luglio le date in cui a Sant’Anastasia arriveranno, per il quinto anno del Festival Premio Città di Sant’Anastasia, giovani talenti da tutta Italia. I provini sono già iniziati nella struttura della Pmc Music Recording alla quale è affidata la direzione artistica della manifestazione, con il trio al femminile che finora ha accumulato successi: Marianna Porritiello, madrina della scuola di musica ed etichetta discografica Pmc, Marilisa Maione e Tiziana Pensati. I concorrenti che andranno a comporre la rosa delle prime due serate gareggeranno dinanzi alla giuria composta da esperti e maestri di musica nonché giornalisti di quotidiani, settimanali e tv nazionali. I selezionati per la finale di sabato 11 luglio si esibiranno dinanzi a Mara Maionchi, discografica di fama e star dei talent show nonché artefice della fortuna di molte voci note del panorama canoro nazionale e internazionale. La novità di quest’anno riguarda soprattutto la conduzione oltre che gli ospiti – i cui nomi sono ancora coperti dal riserbo delle organizzatrici – infatti a presentare il talent ci sarà il noto attore Maurizio Casagrande, figlio d’arte (il padre è l’attore Antonio Casagrande che ha calcato le scene dei più grandi teatri italiani) e notissimo interprete di film che hanno sbancato i botteghini accanto a Vincenzo Salemme, da «L’amico del cuore» ad «Amore a prima vista». Indimenticabile la sua interpretazione del delegato Ernesto Bellavia in «La scomparsa di Patò», tratto da un romanzo di Andrea Camilleri. Accanto a lui, sul palco del Festival, ci sarà l’attrice napoletana Tiziana De Giacomo, finalista di Miss Italia nel 2009, accanto a Fabrizio Frizzi e Max Giusti nella trasmissione di Rai1 «Attenti a quei due», interprete di numerosi film e commedie in teatro nonché, di recente, nel format Sky «Harem». Mentre fervono i preparativi e soprattutto i provini dei veri protagonisti del Festival, ossia i giovani talenti che da Milano, Palermo, Roma, Lecce e molte altre città italiane nonché da tutta la provincia campana si riverseranno a Sant’Anastasia nel secondo weekend di luglio, le organizzatrici preparano il parterre degli ospiti a sorpresa che si esibiranno durante le tre serate. «Ci saranno nomi notissimi – dice Marianna Porritiello – ma quest’anno, come del resto abbiamo sempre voluto e fatto, daremo spazio ai ragazzi che ogni anno giungono da ogni parte della penisola per esibirsi su questo festival che per noi è una scommessa vinta». Il premio in palio per il vincitore, come nelle quattro edizioni precedenti, è una produzione discografica. «Per noi il Festival è un’istituzione, non solo formalmente ma nel senso più ampio del termine – dice il sindaco di Sant’Anastasia, Lello Abete – e la nostra città deve andar fiera di realizzare i sogni di tanti giovani talentuosi in arrivo da tutta Italia, di dar loro un’opportunità. Inoltre, per tutta la durata della kermesse e oltre, si accendono i riflettori sulla nostra bella realtà vesuviana con ripercussioni positive dal punto di vista economico e turistico, l’auspicio è che Sant’Anastasia e il Festival possano crescere insieme, ancor di più».



© RIPRODUZIONE RISERVATA