ERCOLANO. È l’avvocato Ciro Buonajuto, membro della direzione nazionale del Partito Democratico, il nuovo sindaco della città degli scavi. Il consigliere comunale uscente ha battuto la rivale coalizione di centrosinistra capeggiata da Antonio Liberti, assessore uscente della giunta di Vincenzo Strazzullo. Una campagna elettorale durissima che ha visto protagoniste le due correnti del Partito Democratico locale avverse, quella del neo eletto sindaco, designato circa un mese fa come candidato dall’ex senatrice Teresa Armato e quella di Liberti, ex segretario del partito ercolanese poi fuoriuscito. Buonajuto, sostenuto da sette liste, ha superato di gran lunga il 50%, mentre Liberti, che aveva al suo seguito cinque liste, si è fermato al 30%; il M5S con Cozzolino si stabilisce al 7,55%; il centrodestra, diviso tra Miranda e Iovino non “fa male” (4,26% il primo, 2,73% il secondo): senza passare per il ballottaggio, dunque, Buonajuto riceve la fascia tricolore al primo turno. Il neoeletto sindaco ha affidato ai social la propria soddisfazione: «Farò del mio meglio», ha commentato postando una foto con i sostenitori sul suo profilo.

Luigi Corcione



© RIPRODUZIONE RISERVATA