POMIGLIANO D’ARCO. Lello Russo è conquista il secondo mandato di sindaco di Pomigliano d’Arco senza passare per il ballottaggio: il responso delle urne è un vero e proprio trionfo per il primo cittadino uscente, sostenuto da 9 liste, che su 25 sezioni scrutinate su 40, ha fatto registrare una percentuale pari al 56%, lasciando dietro di sé il temuto Dario De Falco ed il Movimento 5 Stelle, fermo al 25%. Delusione per il centrosinistra e per l’ex sindaco, di nuovo in corsa, Michele Caiazzo, sostenuto dal PD, dai Verdi e da 2 liste civiche che si è stabilito soltanto al 15,30%. Roberto Oratino e Fabio Birotti chiudono rispettivamente al 3,16 ed allo 0,94 percento.
«La vittoria al primo turno è frutto della buona amministrazione di cinque anni, della campagna aggressiva del candidato del Movimento Cinque Stelle e di una campagna elettorale intelligente, fatta quartiere per quartiere, spiegando le cose realizzate e quelle da fare. – ha dichiarato a caldo il riconfermato sindaco Lello Russo – Il compito, come al solito, sarà arduo ma credo moltissimo in una giunta fatta da giovani uomini e donne che vorranno portare a termine il programma presentato ai cittadini. Ringrazio i miei concittadini per la fiducia che hanno voluto rinnovarmi, convinto che, come ho sempre fatto, non li deluderò. Ringrazio il candidato sindaco del PD, Michele Caiazzo per gli auguri, convinto come sono che farà una opposizione seria e costruttiva. Ringrazio infine i militanti, i candidati e gli attivisti della mia coalizione e in particolare Roberto Iossa per la sagacia con la quale ha gestito la mia campagna elettorale».

Luigi Corcione



© RIPRODUZIONE RISERVATA